Anticipo d’estate all’Île du Levant

 
Anticipo d’estate all’Île du Levant


Dal 25 aprile al 1° maggio, io e mia moglie Franca abbiamo deciso di prenderci una vacanza e abbiamo scelto come meta l’Ile du Levant in Francia.
Eravamo già stati su quest’isola nel settembre del 1999 e ci era talmente piaciuta che ci eravamo ripromessi di tornarvi. Un altro motivo che ci ha spinto sull’isola, oltre alla bellezza della stessa, è che è raggiungibile da Milano in giornata senza utilizzare l’auto e cioè con il treno, autobus e traghetto (tra l’altro l’auto andrebbe lasciata al porto di Lavandou o di Hyères in quanto sull’isola non possono circolare).
Una volta arrivati sull’isola, che come detto già conoscevamo, abbiamo cercato un alloggio che abbiamo trovato senza fatica essendo ancora in bassa stagione (chi volesse andare in luglio e agosto deve prenotare), presso Madame Brigitte, un bel monolocale con ampio terrazzo esposto a Sud.
La tranquillità che si vive in quest’isola ci ha permesso di vivere quattro giorni di sole e mare immersi in una natura intatta e dove l’esplosione di colori delle fioriture primaverili rendevano l’ambiente un piccolo Eden. Oltre le passeggiate alla spiaggia delle grotte e della Galère molto interessante è stata quella al “domaine de l’arbousier“ dove abbiamo potuto ammirare molte varietà di piante e i girini della rarissima “rana sarda”.
Nonostante fossimo ancora in primavera varie persone, noi compresi, hanno fatto il bagno nelle fresche acque prospicienti la spiaggia delle grotte.
Unico neo della vacanza è che all’ufficio postale è stato sospeso (dal 15 aprile 2001) l’anticipo di contanti con la carta di credito, servizio indispensabile in quanto sull’isola non esistono banche per cambiare o procurarsi valuta francese; speriamo che il problema venga risolto entro l’estate per la tranquillità dei naturisti che volessero recarsi sull’isola.
Il mattino della partenza, il 1° maggio, ci siamo svegliati sotto una pioggia battente per cui non abbiamo avuto rimpianti nel lasciare l’isola con il proposito di ritornarci in futuro, magari con altri amici naturisti italiani dell’associazione
Naturalmente sono a disposizione di tutti gli associati che volessero informazioni per soggiornare a l’Ìle du Levant.

Francesco Ballardini
aprile 2001



Privacy & Cookies

stampa | pagina iniziale | © ANITA

A.N.ITA. - Associazione Naturista ItalianaForumFederazione Intarnazionale Nauturista