Grillini: interrogazione parlamentare 31.07.2006


 
On. Franco Grillini: Interrogazione parlamentare

Al Ministro degli Interni Giuliano Amato



Premesso che:

  • sul territorio nazionale, ogni estate sono assai numerose le denunce, elevate dalle forze dell’ordine per “atti contrari alla pubblica decenza”, art. 726 c.p., nei confronti di persone che praticano il naturismo in luoghi isolati e tradizionalmente frequentati dai naturisti stessi;

  • Anche quest’anno, non appena incominciata la stagione turistica, si sono registrati numerosi interventi repressivi ai danni di naturisti.
    Tra questi il caso, solo per citarne alcuni, quello portato alla luce da “La provincia di Como”, l’11 luglio 2006: “Rivolta - Due uomini denunciati per atti contrari alla pubblica decenza. E' il risultato di un'operazione anti-nudismo condotta ieri pomeriggio dagli agenti della polizia locale di Rivolta guidati dal comandante Giambattista Gabelli” e, ancora, il 9 luglio 2006, “La Nuova Venezia” riportava un fatto del tutto simile: “Blitz dei carabinieri alla Laguna del Mort: cinque nudisti sono stati scoperti, presi e denunciati dai carabinieri, mentre molti altri sono riusciti a fuggire. I nudisti sono stati identificati sull'isola del Mort, in località Valle Ossi di Eraclea Mare, dove prendevano il sole integrale”. Il 21 giugno è la volta di Bolzano: “Prendere il sole senza veli – racconta l’“Alto Adige Trento” di un naturista denunciato - può provocare non pochi guai giudiziari anche se si pensa di essere al riparo da sguardi indiscreti. Ne sa qualcosa un meranese di 36 anni” e ancora il 19 giugno 2006 a Porto San Giorgio, secondo “Il Messaggero (Pesaro)”: “Sabato pomeriggio, però, i circa cinquanta nudisti che affollavano la zona non avevano fatto i conti con i militari delle Stazioni dei carabinieri di Pedaso e Cupramarittima comandati dal maresciallo Antonio Russo. I militari si sono messi in borghese ed hanno iniziato a monitorare ogni metro di spiaggia”.

  • Sono in vigore in numerosi comuni ordinanze repressive nei confronti del naturismo.
    È il caso Perla del Conero come ricorda “Il Messaggero (Ancona)” dell’1 luglio 2006: “Il Comune della Perla del Conero infatti non ha cestinato l'ordinanza che vieta di prendere il sole come mamma ci ha fatto. Anzi, tutt'altro, non c'è tolleranza alcuna. E che multe, salate quanto una vacanza in posti esotici. Per chi avesse l'intenzione di denudarsi nelle spiagge che ricadono nel territorio sirolese sappia che va incontro a 516,46 euro di multa”.
    Anche nel Comune di Manerba, in provincia di Brescia, è in vigore un’ordinanza simile come riporta “Vivimilano.it” il 3 luglio 2006: “Un’ordinanza di un anno fa vieta esibire "genitali maschili e femminili" per scoprire i trasgressori il comandante dei vigili Gianfranco Rossi aveva organizzato finte coppie di fidanzatini ha lasciato solo 8 multe da 250 euro più 7 denunce per atti osceni che dormono in procura a Brescia”.

  • la pratica della nudità in comune, in taluni luoghi, è il fondamento della filosofia naturista, diffusa, praticata e promossa da tempo in tutto il resto d’Europa e del mondo civile e che tale pratica, anche in Italia, ha radici ultra trentennali e rappresenta una occasione per il turismo;

  • Nell’ottobre 2005, due diversi giudici di pace di La Spezia hanno accolto in pieno la richiesta di archiviazione avanzata dal Pm per il caso di due naturisti denunciati dai carabinieri per “atti contrari alla pubblica decenza”. I giudici hanno ritenuto che non sussistevano responsabilità perseguibili penalmente da parte dei naturisti, giungendo alla conclusione che il nudismo, purché non ostentato, è lecito;

considerando che:

  • nel corso degli ultimi anni, la Corte di Cassazione ha emesso sentenze nelle quali viene affermato che la pratica del naturismo non ha rilevanza giuridica in quanto con il nudismo non si esplica un atto di rilevanza penale. Nelle sentenze 3557/2000 e 1765/2000 della predetta Corte, infatti, si afferma che “appare evidente che non può considerarsi indecente la nudità integrale di un naturista in una spiaggia riservata ai nudisti o da essi solitamente frequentata";

  • sono oramai numerosi i casi in cui per queste denunce i naturisti vengono regolarmente assolti con formula piena o i loro casi archiviati, in quanto tutti i giudici che si sono dovuti esprimere in materia di nudismo, hanno ritenuto che il comune senso del pudore, unico riferimento a cui ricondurre le valutazioni per stabilire la leicità o meno del naturismo, ha subito negli anni una dilatazione che di fatto si risolve nell’ammissibilità del nudismo, purché non ostentato. La giurisprudenza di merito cioè, si è ormai attestata su univoche posizioni per le quali il nudismo, praticato in luoghi isolati e non tradizionalmente frequentati, perde qualsiasi carattere di offensività del sentimento di decoro o di riserbo.

  • alcune regioni stanno muovendosi per regolamentare la pratica del Naturismo, e alcuni comuni prevedono, con ordinanze zone per naturisti, tese alla creazione di strutture turistiche ricettive destinate al turismo naturista. È il caso del Lazio, con una proposta di legge dell’Assessore Angelo Bonelli, ha depositato in Giunta una proposta di legge,

  • sono circa 500.000 i cittadini italiani che praticano il naturismo come scelta di vita sana, rispettosa degli altri e dell’ambiente naturale;

  • nel corso di questa legislatura, sono state depositate tre proposta di legge per la depenalizzazione e il riconoscimento del diritto alla pratica del naturismo sia alla Camera dei deputati (Proposta di legge n. 276 “Depenalizzazione della pratica del naturismo e disciplina delle strutture turistico-ricreative riservate ai naturisti” dell’Onorevole Franco Grillini) che al Senato (Progetto di legge n. S. 479 Depenalizzazione della pratica del naturismo e disciplina delle strutture turistico - ricreative riservate ai naturisti del Senatore Giampaolo Silvestri e Progetto di legge S. 450 Norme per il riconoscimento del diritto alla pratica del naturismo del Senatore Piergiorgio Massidda);

Per sapere:

  • quali sono le ragioni per le quali, con ingenti spese, le forze dell’ordine organizzano vere e azioni repressive verso comportamenti che non hanno alcuna rilevanza penale;

  • se il Ministero è a conoscenza che alcuni interventi sono di agenti in borghese e se ciò è ritenuto legittimo;

  • se Ella condivide che, a fronte di un arretratissimo “codice Rocco”, il Parlamento debba prendere finalmente atto della necessità di una legge che regolamenta il naturismo e che escluda dall’articolo 726 c.p. la punibilità della nudità naturista.

  • Se non ritenga di intervenire con apposita circolare del Ministero degli Interni alle Forze di polizia per chiarire che il naturismo che si pratica in luoghi isolati o tradizionalmente frequentati dai naturisti stessi non costituisce reato e non è da perseguire.


Primo firmatario:

On. Franco Grillini



Facendo click qui riceverai notizie riguardo camping naturista e campeggio nudista.
Inoltre, potrai approfondire temi come riviste nudiste.
Decimo Anniversario al Diaterna | Vacanzieri nudi alla meta | Comunicato sulla richiesta di autorizzazione Nido dell'Aquila (Comunicato autorizzazione Nido dell'Aquila) | Sconto crociere Turchia | Gita a Guvano | Da Gaeta per il sole in libertà | Grillini presenta un progetto di legge | Naturalmente nudi in riva al fiume | Incontro a Milano (Milano 24.10.04) | Incontro Giovani Naturisti Europei | copertina | Pranzo con conferenza del 18.12.2005 (18.12.2005 Cisliano MI Pranzo con conferenza) | Eventi internazionali | E adesso spogliati | Dicembre 2011 | menù principale | pagina iniziale




A.N.ITA. - Associazione Naturista ItalianaForumItalia Naturista - naturismo in italiaFederazione Intarnazionale Nauturista


sfoglia questo sito in modalità grafica (consigliato)