Il nudismo diventa uno stile di vita


 
da La Repubblica del giorno 11 gennaio 2004

La moda "senza veli" si trasforma in un business

Così si allarga la tribù dei senza vestiti

Il nudismo diventa
uno stile di vita

di NICOLA GHITTONI


ROMA - Una discesa che più libera non si può immaginare. È la passione dei turisti che hanno preso d'assalto il paesino austriaco di Obertraun, per scivolare lungo i quattro chilometri della pista da fondo completamente nudi. È solo l'ultima follia: ma da qualche tempo sembra che qualsiasi attività possa essere svolta senza vestiti. Volare, guidare, andare in crociera, fare sport e persino sposarsi. Così il naturismo da un lato è uno stile di vita che conquista anche rigorosi professionisti, dall'altro un'esperienza da provare almeno una volta. E il fenomeno è in crescita continua.

Gli americani hanno fiutato l'affare tanto bene che oggi, negli Stati Uniti, il turismo naturista è un business che muove 400 milioni di dollari l'anno, il doppio rispetto a dieci anni fa.

Le iniziative non conoscono limiti. Lo dimostra il "volo senza veli" sul Boeing 727 che per la prima volta nel maggio scorso ha trasportato 170 passeggeri nudi da Miami a Cancun. Il bis è previsto per questa primavera, i biglietti sono quasi esauriti. Anche in un periodo di crisi, l'agenzia turistica texana Castaways non ha faticato a trovare nuovi passeggeri disposti a pagare tariffe doppie rispetto alla norma (intorno ai 500 dollari), pur di assaporare l'ebbrezza di volare nudi. Poche ma ferree le regole: ci si può spogliare solo dopo il decollo, ci si riveste qualche minuto prima dell'atterraggio; è obbligatorio munirsi di un asciugamano su cui sedersi, vietato servire bevande calde, per evitare lo spiacevole inconveniente di un'ustione.

Se nei voli della Castaways almeno piloti e hostess sono tenuti a rimanere vestiti, nelle crociere della Carnival Cruise Lines anche gli equipaggi possono, se l'incarico lo consente, restare nudi. Con la regola, anche in questo caso, di far ricomparire gli indumenti in vista dei porti di attracco.

In Italia, se anche i nostri operatori avessero fiutato l'affare, non sono immaginabili iniziative simili. Non solo per resistenze culturali. È la mancanza di una normativa sul naturismo a frenare lo sviluppo, anche economico, del settore. Chi si avventura oggi nelle spiagge libere della Penisola, anche quelle frequentate da nudisti, rischia multe salate. Una tendenza al rigore che si è incrementata negli ultimi tempi, grazie allo zelo di alcuni sindaci. La legge italiana non punisce il nudismo, ma gli "atti osceni in luogo pubblico", definizione che si presta a mutevoli interpretazioni. Secondo le stime della Federazione naturisti italiani (Fenait), la mancanza di tutela legislativa della pratica naturista costa ogni anno all'Italia 500.000 mancati ingressi di turisti stranieri, e l'esodo di circa 50.000 italiani che tutte le estati vanno ad arricchire Francia, Spagna e Croazia, "paradisi" in grado di offrire ai nudisti ogni tipo di comfort, dai campi da golf ai supermarket, dal parrucchiere ai centri per la talassoterapia. In Francia, la pratica del naturismo è riconosciuta dal Ministero della gioventù, degli sport e del tempo libero.

In Italia, una prima inversione di rotta si era ipotizzata nel 2000, quando una delibera del comune di Roma ha trasformato il litorale di Capocotta, storica spiaggia nudista, nella prima oasi italiana destinata ai naturisti. Poteva essere il segnale di una svolta, ma l'iniziativa non ha trovato seguito. Nello stesso anno la commissione Affari sociali della Camera ha adottato le proposte di legge sul naturismo di Verdi e Forza Italia. Il testo è tuttora fermo in Parlamento.


Testo tratto da www.repubblica.it alla pagina: www.repubblica.it/2004/a/sezioni/cronaca/nudismostile/nudismostile/nudismostile.html



Qui troverai informazioni su campeggi nudisti e naturisti.
Inoltre, potrai approfondire temi come spiagge naturiste nudiste toscana.
Sirolo, i nudisti regaleranno libri e riviste al sindaco Misiti (Sirolo, libri e riviste al sindaco) | Stage di Biodanza Estivo | NUOVAMENTE AD ANDALO: resoconto del soggiorno naturista in montagna 2002 (Andalo 2002) | Manifestazione ad Alberese con intervento dei carabinieri 1 | B&B Naturista Physis (B&B Naturista Physis - Mazara del Vallo (TP)) | Romito paradiso dei nudisti | Riflessioni naturiste…ricordando la Corsica | Nudi sulla spiaggia? Si può. | Iscrizione all'ANITA | Capocotta non basta, vogliamo Castelporziano | Resoconto raduno in difesa del naturismo | Naturisti alla conquista di Nido dell’Aquila | menù principale | pagina iniziale




A.N.ITA. - Associazione Naturista ItalianaForumItalia Naturista - naturismo in italiaFederazione Intarnazionale Nauturista


sfoglia questo sito in modalità grafica (consigliato)