Proposta una spiaggia riservata ai nudisti


 
Da Il Messaggero di giovedì 24 agosto 2006

Proposta una spiaggia riservata ai nudisti.


Altro blitz di carabinieri e vigili. I denunciati: «Non facciamo niente di male»


di DIANA MARILUNGO

Si va assottigliando la colonia dei nudisti che frequentano le spiagge del Fermano. Il mese di agosto non è stato molto "fortunato" per alcuni bagnanti sia locali che di fuori regione, sorpresi dalle forze dell'ordine a prendere il sole completamente nudi sulle spiagge della costa. Dopo le ultime denunce, ancora due casi di atti osceni in luogo pubblico sono stati registrati nel comprensorio. Uno da parte dei carabinieri della Compagnia di Fermo, l'altro dalla Polizia Municipale. Un operaio di trent'anni residente nell'entroterra è stato denunciato dai militari, mentre, un operatore del tempo libero, di quarantatre anni di Fermo è stato fermato dai Vigili Urbani e tra poche ore dovrebbe essere formalizzata, nei suoi confronti, la denuncia per atti osceni. I due sono stati sorpresi, in due distinti momenti, sul bagnasciuga tra Pedaso, Marina di Altidona e Marina Palmense. La lunga fascia costiera, cioè, che da diversi anni è meta proprio di coloro che amano prendere il sole in costume adamitico. «Mi ero appena spogliato - afferma Carlo, nudista convinto, poco più di quarant'anni, esponente del mondo finanziario locale ed ospite di uno dei campeggi della zona - ero abbastanza riparato dagli sguardi degli altri bagnanti, non pensavo di essere notato. Avevo solo l'intenzione di prendere un lungo bagno di sole, leggendo un libro, quando sono stato bloccato dalle forze dell'ordine e consigliato a rivestirmi in fretta. Solo allora ho notato - prosegue l'uomo che insieme alla moglie frequenta solitamente i campi nudisti soprattutto all'estero - diversi miei vicini di ombrellone che mi stavano guardando ed alcuni ad alta voce disapprovavano il mio stato. Non mi sento colpevole di nulla, ho contestato l'accusa e andrò fino in fondo alla vicenda perché non trovo giusta la limitazione che mi è stata imposta. Non sono pentito di essermi spogliato, non ho fatto nulla di cui rimproverarmi. Domani parto per Sharm, in Egitto e là potrò godermi il sole nudo senza che qualcuno si scandalizzi». Una zona interamente riservata ai nudisti è quanto prospettato da qualche operatore turistico. «Ci vuole un parco nudisti - dichiara Felice Chiesa, titolare di due noti campeggi della zona e presidente dell'associazione regionale di strutture ricettive on plein air- in questo modo la zona potrebbe dotarsi anche di un'offerta in più a livello turistico. Se si creassero degli spazi in questo senso, sono convinto che il settore ne avrebbe un grande beneficio. E' chiaro, però, che debbono stare in zone riservate, non possono denudarsi liberamente soprattutto davanti ai bambini che frequentano numerosi le nostre spiagge. Non mi sembra giusto mettere tutti insieme. La libertà di ognuno va rigorosamente rispettata. Sono stato recentemente in Spagna e lì ci sono diverse zone riservate ai nudisti anche se sono aperte a chi vuole andarci anche vestito». I nudisti sono una piccola, sparuta minoranza e allora ciò che è normale a Saint Tropez o a Formentera, secondo Antimo M., di Grottammare diviene in provincia materia per le forze dell'ordine. «Conosco i luoghi - commenta Antimo M.- riferendosi a quelli delle spiagge fermane - e ho sempre visto i pochi nudisti ricercarsi spazi nascosti e non ostentare alcunché. Posso, invece, affermare che spesso sarebbero "i morigerati cittadini denuncianti" a guardare dietro le piante di tamerice un po' fantozzianamente con la lingua in fuori. Che c'è allora di male nel nudismo anche quando è non ostentato e nascosto?».



Interrogazione
Grillini al ministro: niente repressione contro il naturismo



A difesa di chi pratica il naturismo sono scesi in campo alcuni parlamentari del centrosinistra che hanno presentato alla fine di luglio una interrogazione al Ministro dell'Interno. Primo firmatario l'on. Franco Grillini dei Ds. Nell'interrogazione si fa peraltro riferimento ai frequenti blitz compiuti dai carabinieri di Pedaso ed alle denunce contro i nudisti scovati lungo le coste fermane. Ma casi analoghi sono stati registrati anche sul litorale veneto ed in Trentino Alto Adige. Tutti ben segnalati da Grillini che vuole vederci chiaro e che senza mezzi termini parla di "azioni repressive" organizzate dalle forze dell'ordine. «Quali sono le ragioni per le quali, con ingenti spese, le forze dell'ordine organizzano vere e proprie azioni repressive verso comportamenti che non hanno alcuna rilevanza penale» chiedono i firmatari dell'interrogazione parlamentare, i quali dubitano sulla legittimità dei blitz compiuti in borghese dagli agenti in diverse località italiane. Grillini propone anche una legge che regolamenti il naturismo ed escluda la punibilità della cosiddetta "nudità naturista". E si spinge oltre chiedendo al Ministro di intervenire con apposita circolare per «chiarire alle Forze di Polizia che il naturismo che si pratica in luoghi isolati o tradizionalmente frequentati dai naturisti stessi non costituisce reato e non è da perseguire».
Sa.Ren.



Qui riceverai notizie riguardo centro nudista e spiagge naturiste nudiste emilia romagna.
Inoltre, potrai approfondire temi come centri naturisti.
Stage di biodanza e naturismo | Il nudista scopre la vacanza di lusso | Resoconto soggiorno naturista a Vetralla dal 19 al 22 agosto 2004 (Vetralla 19-22.8.2004) | Marina di Alberese (GR) | A.N.ITA. partecipa a Fa' La Cosa Giusta! 2012 | Progetto Fotografico a Milano | Benefici del camminare scalzi | Link naturisti | Una delegazione in missione a Sirolo per consegnare al sindaco materiale informativo sul naturismo (Delegazione a Sirolo) | Notiziario ANITA | Destiniamo un tratto di spiaggia ai nudisti | menù principale | pagina iniziale




A.N.ITA. - Associazione Naturista ItalianaForumItalia Naturista - naturismo in italiaFederazione Intarnazionale Nauturista


sfoglia questo sito in modalità grafica (consigliato)